Celiachia, quali cereali sono permessi?


La celiachia è un'intolleranza permanente al glutine, complesso proteico che si forma dall'unione di due classi di proteine presenti nei cereali, prolamine e gluteline.

L'effetto infiammatorio che si scatena dopo l'ingestione di un alimento a base di cereali dipende dal tipo di prolamine presenti nel cereale; non tutte le prolamine sono tossiche per il celiaco e quindi non tutti i cereali sono da bandire in una dieta gluten-free.

cereali celiachiaI cereali possono essere suddivisi in base al tipo di prolamine che contengono, esse possono essere distinte in base al loro grado di tossicità che dipende a sua volta dalla quantità di prolina e glutammina contenuta.
Gliadina, secalina ed ordeina, presenti rispettivamente in grano, segale e orzo, hanno un alto contenuto in prolina e glutammina; alimenti che contengono questi tipi di cereali causano gravi danni alla mucosa intestinale del celicaco e sono perciò da evitare.
Altri cereali che contengono prolamine infiammatorie sono frumento, farro, kamut, spelta e triticale; qualsiasi prodotto che li contenga è anch'esso bandito dalla dieta di un soggetto affetto da celiachia.

Fortunatamente esistono alcuni cereali che contengono prolammine innocue e possono entrare a far parte del regime alimentare di un celiaco; tra questi mais, miglio e riso

Oltre a questi esistono piante che non appartengono alla famiglia dei cereali ma che sono generalmente trattate come tali: grano saraceno, quinoa, sorgo e amaranto, tutte includibili in una dieta aglutinata.

aic mobilePer acquistare alimenti gluten-free, normalmente contrassegnati dal simbolo della spiga barrata, e mangiare in totale sicurezza è possibile utilizzare l'applicazione dell'AiC (Associazione Italiana Celiachia), un comodo prontuario dei prodotti senza glutine reperibili nei supermercati. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.